Cava dell’isola: quel costone fa davvero paura (video)

Cava dell’isola: quel costone fa davvero paura (video)

Forio, Cava dell’isola la spiaggia libera più amata dai giovani, luogo di svago e di nascita di nuovi amori. Da sempre è il sinonimo di libertà e bellezza per la sua sabbia e le sue acque.

Eppure, da qualche anno, riversa in uno stato pietoso e soprattutto pericoloso. Il costone è composto da polvere di tufo compresso, un materiale molto inadatto per costruirvi sopra. Lo affermò anche Giuseppe Mercalli in un suo studio, “la zona non è edificabile, la conformità del terreno non è adeguato a sostenere delle abitazioni”.

Nel corso dei decenni, quel luogo così bello è stato inesorabilmente deturpato dalla cementificazione, migliaia e migliaia di tonnellate di cemento premono sul quel costone.

La storia recente ci porta a continui smottamenti di terreno. Parte di una struttura alberghiera sta in bilico. Un pezzo di terrazzo che pende sulle teste dei bagnanti.

Proprio pochi giorni fa c’è stata una frana che ha incuriosito i presenti che non si sono nemmeno allontanati, una fuoriuscita di fango e altro materiale.

Il comune nel tempo ha posto delle recinzioni per cercare di arginare un’eventuale frana. Quest’inverno ha piovuto tantissimo, il materiale ha assorbito moltissima acqua ma, il vero problema, accade quando fa caldo. È proprio in questi periodi di gran caldo che si corre il rischio maggiore per uno smottamento.

Dal video che abbiamo girato questa mattina si nota una lunga e larga spaccatura verticale, una scena da brividi. Non essendo tecnici ci si augura che non sia nefasto presagio di un crollo imminente.

Il comune di Forio sarà in grado di prendersi tutta la responsabilità in caso di frana? Senza considerare, come ovvio i possibili eventi nefasti.

https://www.facebook.com/ischiapress/videos/529968681406283/

1.914 Visualizzazioni
Marcello De Rosa

Marcello De Rosa

Amo la mia terra senza se e senza ma. Scrivo la verità perché la verità ci rende liberi. La mia libertà la conquisto giorno dopo giorno svelando il marcio della nostra società