Pandemia e statalismo

Pandemia e statalismo

Un virus più potente del Covid19 si è affermato nella mentalità comune: che lo Stato possa risolvere tutti i nostri problemi

Alexis de Tocqueville, campione del pensiero liberale, nel suo La democrazia in America (Bur Rizzoli, 1982) affermava: Non vi è nulla di così irresistibile come un potere tirannico che comanda in nome del popolo”.

Bisognerebbe ricordarlo ai drogati di statalismo di casa nostra. Per costoro la pandemia è stata un’imperdibile occasione per sventolare la bandiera della cosiddetta “giustizia sociale”.

Lo Stato, questo padre buono e affettuoso che opera per il nostro bene, ci promette una nuova libertà distribuendo sussidi e prebende (che poi paghiamo tutti noi), ci dice cosa possiamo fare e ciò che è vietato, ci concede o ci nega diritti secondo il suo codice arbitrario.

Ci invita a lavorare poco tanto poi distribuirà mance e mancette; non è necessario impegnarsi a creare lavoro, a fare impresa, ad associarsi poiché tutto sarà disciplinato, regolamentato, controllato per il bene dei cittadini. È il nuovo regno della “redistribuzione della ricchezza”.

Lo Stato padrone impedirà di farci del male, ci nutrirà, stabilirà quanto e che cosa dobbiamo conoscere del virus, come e quante volte dobbiamo andare al ristorante, al bar, dall’estetista, in palestra.

L’allenamento statalista prevede un programma personalizzato per diventare i migliori cioè tutti uguali, appiattiti, grigi e senza slancio.

Alla faccia di chi pensa che ciascun essere umano ha nelle sue mani il proprio destino e la fiducia di poterlo migliorare in mille modi.

Senza accorgercene, siamo diventati cittadini della nuova Repubblica della Salute.

277 Visualizzazioni
Eli

Eli

“Guerriero non per scelta ma per necessità. La necessità di difendere ferocemente l’amore per la libertà, la cultura occidentale e i suoi valori, il cittadino contro lo Stato e la sottomissione delle coscienze al pensiero unico. Meglio un giudizio sbagliato che un giudizio imposto o negato. A partire dalle nostre tradizioni e perché la memoria non dovrà mai essere smarrita. Senza conoscere il passato non c’è presente e non c’è futuro”.