IL VIZIO DEI MEDIA ISOLANI: DARE SPAZIO SOLO A CHI HA UN RUOLO ISTITUZIONALE, IMPRENDITORIALE O PROFESSIONALE

IL VIZIO DEI MEDIA ISOLANI: DARE SPAZIO SOLO A CHI HA UN RUOLO ISTITUZIONALE, IMPRENDITORIALE O PROFESSIONALE

Franco Borgogna

A dimostrazione che l’isola ama poco la cultura vera e la competenza effettiva e privilegi chi, per merito o fortuna o eredità, occupa un ruolo istituzionale, imprenditoriale o professionale, il quotidiano Il Golfo ha amplificato un editoriale di Mimmo Barra, dirigente Aretur, sulla disciplina dei taxi e avviato una campagna di interviste sul tema agli imprenditori che contano. Ma vorrei chiedere, con rispetto, a Barra: cosa fa Aretur per il turismo campano e come mai Aretur non si accorge che alla Stazione Centrale di Napoli, c’è un servizio taxi vergognoso e paracamorristico?

L’imprenditrice Elena Leonessa registra che sono migliorate le cose alla stazione marittima di Napoli, ma molti dei turisti diretti anche ad Ischia, prima ancora della stazione marittima (che comunque non è un modello di funzionalità) arriva alla stazione ferroviaria di Napoli, dove rimangono in balia di un’organizzazione dei taxi che “sceglie” i passeggeri, in fila di attesa, secondo le aspettative di maggiore remuneratività del tragitto (gli americani prima di tutti).

Quello del disordine del servizio taxi e del loro scarso decoro e capacità di accoglienza turistica è un tema dibattuto da anni, come la necessità di approvare un unico Regolamento isolano e (aggiungo io) l’opportunità di unificare i sei comandi vigili urbani. La sottolineatura dell’editoriale di Barra ha fatto apparire la sua proposta come “un nuovo progetto turistico”, che tutti attendevano.

E’ il vizio dei media isolani: se intervisti un assessore qualsiasi di uno dei 6 Comuni, l’intervista acquista (si badi bene non per i lettori o gli spettatori Tv, ma solo per chi conduce il media) un valore da prima e seconda pagina o da fascia di prima serata nel caso della televisione. Se ad esprimere un’opinione è una persona che magari nella vita è un impiegato, un professore di scuola, un esercente, un commerciante, gente semplice insomma, ma competente e dotata di ottima formazione culturale, magari brillantemente laureata, tutto questo – per i media – non conta niente. Conta solo il “ruolo” che sei riuscito (per merito, fortuna o con la “spintarella” non importa) ad occupare.

Eppure nelle tante Associazioni culturali isolane, nelle molteplici Associazioni di volontariato, tra i giovani che lavorano solo a intermittenza o tra i pensionati che non si arrendono all’idea di nullafacenti, in altre espressioni della società civile (ma i media sanno cos’è la “società civile”? Hanno una minima cognizione di quello che ha scritto in proposito Antonio Gramsci o Norberto Bobbio che spiega il valore in Gramsci della “società civile”?) in mezzo a tutti questi, esistono risorse intellettuali, morali (soprattutto morali) e di impegno civico che le figure cosiddette istituzionali o imprenditoriali o dei professionisti alla page si sognano di avere.

Del resto, siamo un’isola abituata a sottostare al potere, in un rapporto insano e masochistico vittima-colpevole. Vogliamo farci del male esaltando chi, anche fortunosamente, occupa un ruolo troppo grande per le sue qualità. Aveva ragione Gramsci a privilegiare la società civile rispetto alle istituzioni. E’ in essa che si annida la speranza di un ribaltamento etico-politico e culturale. E la libertà di espressione difficilmente può trovarsi in quei mezzi di comunicazione che, pedissequamente e con sudditanza psicologica, ossequiano “statue e statuette” istituzionali che non sono in grado di comprendere e di trasformare adeguatamente la realtà viva.

559 Visualizzazioni
Franco Borgogna

Franco Borgogna

Giornalista "glocal" e' la mia ambizione, un indagatore della società locale, consapevole che Ischia e' parte di un mondo dai confini vasti e che ciò che succede nel mondo globale si riverbera sull'isola così come le sorti del patrimonio naturale e culturale di Ischia riguardano il mondo intero.